Il Respiro è il nostro filo di collegamento con la vita. E’ l’energia più importante che il nostro organismo utilizza per la sua stessa esistenza. Ma solo il 10% delle persone utilizza pienamente l’apparato respiratorio per fornire al corpo tutta l’energia necessaria per il mantenimento della buona salute psico-fisica. Se non impariamo a recuperare la nostra capacità respiratoria e migliorare la respirazione, nostri corpi non ricevono tutto l’ossigeno che gli serve.

Attraverso gli esercizi di respirazione e le tecniche di respirazione avanzate, aumentiamo l’ossigenazione delle cellule e contribuiamo in maniera determinante alla salute fisica, al pieno utilizzo delle funzioni cerebrali (il 22% dell’ossigeno che immettiamo nel corpo serve al cervello ), ad avere maggior energia per le nostre attività quotidiane, a una migliore detossificazione del nostro organismo (uno studio dimostra che il 75% delle tossine che assumiamo ogni giorno vengono rilasciate attraverso l’espirazione), al rilascio di endorfine nel corpo che contribuiscono all’innalzamento delle barriere immunitarie contro l’insorgere delle malattie.
Una respirazione diaframmatica profonda inoltre massaggiamo e tonifichiamo gli organi interni e i muscoli addominali. Altri studi hanno dimostrato che pazienti malati di cuore che hanno imparato la respirazione diaframmatica, hanno migliorato sensibilmente la salute dei loro cuori e accelerato il decorso post-operatorio.

La maggior parte delle nostre conoscenze sui benefici della respirazione consapevole ci provengono dalle antiche filosofie orientali. Per molti secoli in oriente i poteri della respirazione consapevole sono stati utilizzati per raggiungere l’illuminazione spirituale.
Solo recentemente, attraverso il recupero di una visione olistica dell’uomo, hanno portato anche in occidente l’attenzione sulle potenzialità del respiro, grazie alla ricerca e al contributo di Leonard Orr, padre del metodo chiamato Rebirthing, e in seguito da Sondra Ray, Stanislaw Grof, Jim leonard, Jiudith Kravitz e tanti altri.
I ricercatori occidentali hanno scoperto che la respirazione consapevole può essere usata per dar sollievo agli stati di ansia, stress e ipertensione. Anche i disagi emozionali possono essere affrontati e superati con il respiro consapevole. Modificando i nostri schemi respiratori anche gli stati mentali ed emotivi possono essere modificati.

Si è sperimentato che le tecniche di respiro consapevole e connesso possono contribuire, a livello mentale, alla risoluzione di traumi e negatività delle mente sub-conscia agendo nelle principali aree di disfunzione, come il trauma della nascita, eventi dell’infanzia, la pulsione inconscia di morte, cattive relazioni con i genitori e l’autorità, schemi di auto-sabotaggio e di disistima, e tutto quanto ci impedisce di vivere nel pieno delle nostre potenzialità, con maggiore gioia e serenità.