Ecco i passaggi per l’utilizzo della tecnica EFT:

Misurare il livello di stress:

chiudo gli occhi e penso al disagio, e verifico quanto è alto il livello di stress (0 equivale a nessun stress, 10equivale a stress massimo) e mentalmente gli do una valutazione da 0 a 10.

La Preparazione:

prepara il sistema energetico affinché si possa procedere con le necessarie correzioni e il successivo lavoro abbia esito positivo. Se è presente un’inversione energetica, tale inversione blocca il corpo che non può quindi essere sbloccato energeticamente, e di conseguenza liberato dalle emozioni negative. Detta in altre parole l’inversione energetica corrisponde ai meccanismi di auto-sabotaggio che avvengono a livello sub-cosciente della mente, che entrano in conflitto con la decisione cosciente (smettere di fumare, mangiare meno ecc.) E’ causata da una serie di convinzioni negative a livello subconscio e quindi fuori dal controllo della nostra coscienza.

La frase da ripetersi:

Anche se ho (nome del disagio), mi amo e mi accetto completamente e profondamente / così come sono / mi voglio bene lo stesso” mentre si stimola il punto KARATE o massaggio il PUNTO DOLOROSO.

La Sequenza:

mentre rimango concentrato sul problema attraverso un promemoria (frase breve che ricorda il problema) picchietto con le dita i punti di accesso ai Meridiani del corpo:

  • sopra la testa
  • in mezzo alle sopracciglia
  • lato occhio
  • sotto l’occhio
  • fossetta labbro superiore
  • fossetta mento
  • i due punti dove terminano le clavicole (con due mani alternativamente)
  • sotto il braccio, appena sotto l’ascella, con la mano piena.

Al termine del giro faccio un respiro profondo, e osservo se è calato il livello di stress sul problema.

Se il problema non è risolto completamente, continuo a fare giri di EFT modificando leggermente la preparazione (anche se c’è ancora un po’ di “problema” mi amo e mi accetto lo stesso completamente e profondamente) fino a quando ho portato a 0 il livello di stress.